Eccellenze in Europa

Ti trovi in:   Inizio > Rss – Stafida Soultanina Kritis Igp

 

 

 

Rss

Stafida Soultanina Kritis Igp

26.01.2016

Stafida Soultanina Kritis«Σταφίδα Σουλτανίνα Κρήτης» (Stafida Soultanina Kritis)

2. Stato membro o paese terzo Grecia

3. Descrizione del prodotto agricolo o alimentare
3.1. Tipo di prodotto Classe 1.6 – Ortofrutticoli e cereali, freschi o trasformati

3.2. Descrizione del prodotto cui si applica la denominazione di cui al punto 1
La «Σταφίδα Σουλτανίνα Κρήτης» (Stafida Soultanina Kritis) è un'uva secca (sultanina) che proviene esclusivamente dalla varietà Vitis vinifera L.
Il prodotto presenta le seguenti caratteristiche:
— colore da dorato a marrone, gusto dolce, consistenza tenera ma compatta;
— tenore di zucchero: minimo 75 %;
— tenore massimo di umidità: 16 %.

Le categorie della «ΣΤΑΦΙΔΑ ΣΟΥΛΤΑΝΙΝΑ ΚΡΗΤΗΣ» (Stafida Soultanina Kritis) sono le seguenti:
— N. 0: sultanina superiore, a chicco grosso, circa 170 chicchi per 100 g (±5 %), pedicelli 2 % massimo, peduncoli staccati massimo 1 per scatola da 12,5 kg, peduncoli attaccati all'uva massimo 2 per scatola da 14 kg, colore omogeneo da dorato a ambrato, molto pulita e adatta al consumo immediato;
— N. 1 sultanina superiore, a chicco grosso, circa 200 chicchi per 100 g (±5 %), pedicelli 2 % massimo, peduncoli staccati massimo 1 per scatola da 12,5 kg, peduncoli attaccati all'uva massimo 2 per scatola da 12,5 kg, colore omogeneo da dorato a ambrato, molto pulita e adatta al consumo immediato;
— N. 2: sultanina classica, dimensione del chicco corrispondente a circa 250 chicchi per 100 g (±5 %), pedicelli 4 % massimo, peduncoli staccati massimo 2 per scatola da 12,5 kg, peduncoli attaccati all'uva massimo 2 per scatola da 12,5 kg, colore omogeneo da ambrato a castano, adatta al consumo immediato o all'uso nell'industria alimentare;
— N. 4: sultanina classica, dimensione del chicco corrispondente a circa 290 chicchi per 100 g (±5 %), pedicelli 4 % massimo, peduncoli staccati massimo 4 per scatola da 12,5 kg, peduncoli attaccati all'uva massimo 4 per scatola da 12,5 kg, colore omogeneo da castano a marrone, adatta al consumo immediato o all'uso nell'industria alimentare.


3.3. Materie prime (solo per i prodotti trasformati)
Chicchi d'uva della varietà sultanina, della specie Vitis vinifera L., coltivata a Creta e raccolta a partire dalla metà di agosto fino a metà settembre. L'uva deve essere raccolta nell'isola di Creta, da un lato perché il clima secco e caldo e l'elevata insolazione determinano un'alta concentrazione di zuccheri nell'uva e quindi nelle uve secche e, dall'altro, per permettere che l'essiccazione abbia inizio immediatamente dopo la raccolta dell'uva evitandone il deterioramento a causa della separazione dei chicchi dal grappolo.


3.4. Alimenti per animali (solo per i prodotti di origine animale)

3.5. Fasi specifiche della produzione che devono avere luogo nella zona geografica delimitata
La coltivazione delle uve, la lavorazione e la trasformazione (per ottenere le uve secche) avvengono all'interno della zona geografica delimitata. È indispensabile che il processo di essiccazione inizi immediatamente dopo la raccolta per impedire il deterioramento della materia prima (acini): questo presuppone che l'essiccazione sia realizzata all'interno della zona geografica delimitata.


3.6. Norme specifiche in materia di affettatura, grattugiatura, confezionamento, ecc.

3.7. Norme specifiche in materia di etichettatura

4. Delimitazione concisa della zona geografica
Il prodotto deve essere ottenuto esclusimante sull'isola di Creta.

5. Legame con la zona geografica
5.1. Specificità della zona geografica
L'isola di Creta è situata all'estremità più meridionale dell'Europa. La sua posizione geografica, il clima, la morfologia e la qualità del terreno sono i principali fattori che hanno contribuito allo sviluppo della viticoltura sull'isola. Le particolari caratteristiche della zona geografica sono le seguenti:
— il terreno a Creta è ricco di carbonato di calcio;
— la temperatura media del periodo di fioritura della vite è di 20-21 οC e può arrivare anche ai 25 οC, mentre nel periodo di sviluppo delle bacche le temperature medie sono comprese tre 24 e 29 °C e possono raggiungere picchi fino a 34 °C;
— l'umidità relativa è bassa, compresa tra 50 e 73 % ca.;
— le precipitazioni si concentrano per il 90 % nel periodo da ottobre a aprile e vi è un lungo periodo di 5-6 mesi in cui piove molto poco;
— il valore medio dell'insolazione supera le 7,5 ore al giorno e i valori massimi si raggiungono nei mesi di giugno, luglio e agosto.
Inoltre, il fattore umano concorre alle caratteristiche del prodotto finito che deve in larga misura il suo colore caratteristico all'immersione dell'uva in una soluzione alcalina durante il processo di essiccazione.


5.2. Specificità del prodotto
La «ΣΤΑΦΙΔΑ ΣΟΥΛΤΑΝΙΝΑ ΚΡΗΤΗΣ» (Stafida Soultanina Kritis) si distingue per il colore da dorato a marrone, l'elevato tenore di zuccheri e l'umidità bassa. Il tenore minimo di zuccheri è del 75 % e l'umidità massima del 16 %.

5.3. Legame causale tra la zona geografica e la qualità o le caratteristiche del prodotto (per le DOP) o una qualità specifica, la reputazione o altre caratteristiche del prodotto (per le IGP)
La «ΣΤΑΦΙΔΑ ΣΟΥΛΤΑΝΙΝΑ ΚΡΗΤΗΣ» (Stafida Soultanina Kritis) costituisce un prodotto particolare che deve le sua proprietà alle condizioni pedoclimatiche di Creta. La richiesta di registrazione come indicazione geografica protetta si basa sulla qualità del prodotto (tenore di zuccheri e di umidità).
I terreni calcarei di Creta permettono un soddisfacente sviluppo della vegetazione, una produzione precoce e l'ottenimento di prodotti di qualità molto elevata grazie all'alto contenuto zuccherino dell'uva. Le piogge molto scarse e la forte insolazione dei mesi di luglio e agosto, periodo di maturazione dei grappoli, agiscono favorevolmente sulla concentrazione degli zuccheri. È noto infatti come la pioggia caduta in questo periodo possa diluire gli zuccheri nell'uva determinandone il deterioramento.
Il colore del prodotto va dal dorato al marrone ed è dovuto sia alla varietà Sultanina (uva a bacca bianca) che al tempo caldo e secco e al forte soleggiamento durante il processo di essiccazione. L'assunzione di un colore più scuro è dovuta all'inibizione dell'azione di determinati enzimi causata dalla concentrazione degli zuccheri. Le condizioni climatiche caldo-aride e la tecnica dell'immersione dell'uva in una soluzione alcalina durante il processo di essiccazione determinano una rapida perdita d'acqua nell'uva e contemporaneamente l'aumento della concentrazione degli zuccheri, cosicché i chicchi smettono di scurire e assumono il loro colore caratteristico.
La bassa umidità relativa nei mesi estivi (che non supera il 65 % in media) non favorisce lo sviluppo di attacchi fungini cosicché il prodotto finito è esente da ocratossine e micotossine. Sono particolarmente favorevoli anche le condizioni di umidità, soprattutto nel periodo della fioritura (60-70 %), che assicurano una produzione soddisfacente.
La varietà Sultanina iniziò ad acquistare importanza economica per l'isola di Creta dopo il 1922, quando arrivarono a Creta i profughi dell'Asia Minore portando con sé l'esperienza nella coltivazione di questa varietà che gradualmente soppiantò la varietà «Ταχτά» (tachtà) che fino ad allora veniva coltivata sull'isola.
Con l'arrivo dei profughi iniziò sia la coltura della Sultanina che la produzione di uve secche di questa varietà. Da fonti storiche emerge che l'uva sultanina di Creta costituisce un prodotto di qualità fin dal primo dopoguerra. Il prodotto ha infatti ricevuto due premi per la qualità alla XII e alla XVI Fiera internazionale di Salonicco, rispettivamente nel 1937 e nel 1951, il che conferma l'eccellente qualità e la rinomanza del prodotto. Il forte sviluppo della viticoltura diede nascita, nel 1941, all'Associazione delle cooperative di produzione di sultanina (Κοινοπραξία Συνεταιριστικών Οργανώσεων Σουλτανίνας, ΚΣΟΣ). I motivi che condussero, tra l'altro, alla rapida espansione di questa coltura sono da imputare ai prezzi soddisfacenti spuntati da questa produzione prima e poco dopo la seconda guerra mondiale, alle condizioni pedoclima tiche ottimali che ne hanno favorito la coltivazione, all'eccellente qualità del prodotto e al sostegno del prezzo del prodotto erogato dallo Stato negli anni '60 ( 3 ).


Riferimento alla pubblicazione del disciplinare
(Articolo 5, paragrafo 7, del regolamento (CΕ) n. 510/2006)
http://www.minagric.gr/images/stories/docs/agrotis/POP-PGE/prodiagrafes_stafidaskritis151013.pdf

Nome: Σταφίδα Σουλτανίνα Κρήτης  - Stafida Soultanina Kritis
Countries of Origin: GR Tipo di domanda: IGP
Dossier Number: GR/PGI/0005/01058 Tipo di prodotto: Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali, freschi o trasformati
Situazione Registrata

Data di presentazione 16.11.2012
Date of Publication: 05.04.2014
Date of Registration: 26.01.2016

Official Journal Publications

Official Journal L17 26.01.2016
Official Journal C101 05.04.2014


EVENTI IN EUROPA

 

EVENTI IN EUROPA

EVENTI IN EUROPA

Inizio pagina | Eurodop.it è un sito informativo per la diffusione e conoscenza dei prodotti eccellenti tutelati in Europa. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportate sono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Powered by CMSimple_XH |